Rottamazione delle cartelle esattoriali: Le novità nella legge di conversione del D.L. 193/2016

Nella sua versione originaria, il D.L. 193/2016 ha introdotto la possibilità di definire gli importi iscritti a ruolo e affidati agli Agenti della riscossione dal 2000 al 2015. Aderendo alla procedura il contribuente può pagare solo le somme iscritte a ruolo a titolo di capitale, di interessi legali e di remunerazione del servizio di riscossione. Non sono dovute dunque le sanzioni, gli interessi di mora e le sanzioni e somme aggiuntive gravanti su crediti previdenziali. In seguito alla discussione del disegno di legge di conversione del decreto in commento sono state approvati diversi cambiamenti rispetto alle disposizioni iniziali.

“Relativamente ai carichi affidati agli agenti della riscossione dal 2000 al 2016, i debitori possono estinguere il debito senza corrispondere le sanzioni comprese in tali carichi, gli interessi di mora di cui all’articolo 30, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602, ovvero le sanzioni e le somme aggiuntive di cui all’articolo 27, comma 1, del decreto legislativo 26 febbraio 1999, n. 46.”

La definizione agevolata viene dunque estesa anche ai carichi affidati all’Agente della riscossione nel 2016.

Entro il 28 febbraio 2017, l’agente della riscossione, con posta ordinaria, è tenuto ad avvisare il debitore dei carichi affidati nell’anno 2016 per i quali, alla data del 31 dicembre 2016, risulta non ancora notificata/o:

  • la cartella di pagamento;
  • l’avviso di addebito;
  • l’accertamento esecutivo.

della definizione

Cambiano sostanzialmente i termini per la presentazione dell’istanza nonché per il responso dell’Agente della riscossione, il numero e le scadenze delle rate eventualmente richieste per il pagamento delle somme dovute in via agevolata.

Per la presentazione dell’istanza di rottamazione si passa dal 23 gennaio 2017 al 31 marzo dello stesso anno.

L’Agente della riscossione comunicherà le somme dovute in via agevolata dal debitore entro il 31 maggio 2017, nonché quello delle singole rate, e il giorno e il mese di scadenza di ciascuna di esse, considerando i criteri sotto riportati:

L’Agente della riscossione è tenuto a fornire ai debitori i dati necessari ad individuare i carichi definibili in via agevolata, presso i propri sportelli o sull’area riservata del proprio sito internet istituzionale. definizione

Possibilità di rettificare/integrare la stessa entro il 31 marzo 2017.

Max 5 rate

per l’anno 2017, la scadenza delle singole rate è fissata nei mesi di luglio, settembre e novembre;

per l’anno 2018, è fissata nei mesi di aprile e settembre;

Il 70% delle somme complessivamente dovute deve essere versato nell’anno 2017 e il restante 30% nel 2018.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *